Interview francesca canepa

Per Francesca Canepa, ultra trailer

Qualità:

Sono naturale, Tutto ciò che faccio è naturale, è « a modo mio ». Credo che questa sia decisamente una qualità.

Difetti:

Un pò…anarchica forse ?

Luogo di allenamento:

Courmayeur

Club:

ASD Courmayeur Trailers

Team:

Montura – OVERSTIM.s

Francesca in tre parole:

Questa è sempre una domanda che trovo difficile e non mi piace granchè rispondere io. Ma vediamo, dovessi dire…riservata, rispettosa, determinata.

A che età hai iniziato il trail?

Ho iniziato nel maggio 2010, quindi fammi pensare, avevo quasi 39 anni e mai corso prima.

Ti alleni da sola o in gruppo?

Diciamo che sono piuttosto solitaria, non mi piacciono molto i vincoli di orario o di ritmo. Ma il mio cane, Ariella, è sempre con me.

Puoi descrivermi brevemente il tuo programma di allenamento?

In verità corro prevalentemente a sensazione, ma negli ultimi mesi ho capito che bisognava lavorare un pò più sulla velocità e aumentare il volume, quindi al momento, pur continuando ad ascoltare il corpo ho cercato di lavorare in fartlek 2 volte alla settimana, 1 giorno o 2 faccio salita e nei giorni restanti me ne vado in giro tranquilla senza obiettivi particolari.

Insisti di più su un aspetto particolare dell’allenamento?

Non particolarmente. Ma è vero che, avendo capito che la velocità è importante, sto tentando di addomesticarla sforzandomi di mantenere un ritmo più sostenuto rispetto al solito. Ma è tutto qui, non voglio che ogni uscita mi diventi fonte di stress.

In quale(i) luogo(hi) preferisci allenarti?

ADORO letteralmente i single tracs. E soprattutto declinati in falso piano, ascendente o discendente è uguale. Odio decisamente i terreni troppo tecnici, per conclamata inettitudine. Quindi il luogo non è importante, basta che ci sia un single track. Ma se devo proprio fare un esempio che tutti conoscono, ecco pensate a Bertone-Bonatti- Arnouva, una cosa così.

Che ruolo ha la nutrizione sportiva nella tua disciplina?

Secondo me la nutrizione è un pilastro fondamentale per la prestazione, ed essendo sempre stata un’atleta gli ho sempre attribuito grande importanza in tutta la mia vita. In questo particolare momento, credo che questo aspetto sia ancora più importante perchè le lunghe distanze sono molto impattanti sul corpo e ogni errore può rivelarsi fatale. Quindi faccio attenzione in particolare a mangiare un sacco di vitamine con frutta e verdura, proteine con il pesce e riso a volontà.

Perché hai scelto OVERSTIM.s?

Avevo scoperto Overstim all’inizio della mia carriera nel trail e secondo me è l’unica marca che offra un prodotto veramente gradevole. I gel sono un prodotto molto delicato perchè non è facile nè che piacciano nè mandarne giù per ore. Ma Overstim è riuscita a creare un prodotto che « va giù » faxcilmente ed è anche buono come gusto.

Quali prodotti OVERSTIM.s utilizzi? Perché?

Adoro il Gatosport al cioccolato, e se mi capita di avanzarne durante una gara i bambini me lo strappano dalle mani all’arrivo. Bevo Hydrixir lungo tutta la gara e come gel punto decisamente sulle versioni liquide, più facili da mandar giù e molto efficaci.

Qual è il tuo ricordo più bello legato alla corsa?

Dico sempre che ogni gara ha qualcosa da insegnarmi e che una delle peculiarità del trail running è che ci sono veramente tanti momenti particolari. Ma se devo scegliere, ebbene allora direi Argentière, UTMB 2012. Ero seconda dopo Lizzy ma avendo preso una crisi durata oltre 10 km mi ero fatta raggiungere da Emma Roca. In quel momento Renato mi ha detto « vai, credici, non farti prendere senza lottare » così ho dato tutto per riuscirci. In 8 km sono riuscita a creare un distacco di 7 minuti mi pare, e so di aver fatto tutto ciò che potevo. Cerco sempre di fare del mio meglio, e il risultato ne consegue.

Quali sono le tue attività al di fuori del trail?

Sono maestra di snowboard in inverno e traduco occasionalmente dall’inglese all’italiano. Ho anche una laurea in Psicologia Generale e Sperimentale, ma non potrei mai passare la mia vita tra le quattro mura di uno studio quindi ecco, sono un’atleta.

Come vedi l'evoluzione della tua disciplina?

Non ne ho idea, diciamo che sono piuttosto concentrata su quello che devo fare io e non mi pongo troppe domande. Ma da ciò che vedo, sempre più persone si stanno mettendo a correre e credo sia un’ottima cosa. Vedrei bene un maggiore interesse per le corse dei bambini perchè credo sia molto importante che un’idea quale « se ci credi, tutto è possibile » possa farsi strada nella testa dei più piccoli. Mi piacerebbe poterli aiutare a capire che se si fa del proprio meglio, se si dà tutto quello che si ha dentro, non ci sarà mai l’insuccesso, ci sarà sempre grandezza.

A quale prova sportiva sogneresti di partecipare?

Non ho una gara « sogno », forse anche perchè ho già fatto tanto nelle gare più « iconiche ». Ma mi piacerebbe tanto poter correre un giorno in paesi come Nepal, o Perù, per testare i miei limiti in quota ma soprattutto, se possibile, portare qualcosa a delle popolazioni così speciali. Ma credo che se mai avrò l’occasione di andarci, saranno piuttosto loro a insegnarmi e regalarmi qualcosa.

Quali sono i tuoi consigli per emergere in questa disciplina?

Dico sempre che l’obiettivo, nelle lunghe distanze ma anche nella corsa in generale, sia riuscire a mettere un piede davanti all’altro fino al traguardo. Quindi ecco, un principiante dovrebbe semplicemente addomesticare il gesto tecnico e lo sforzo rimanendo all’ascolto del proprio corpo. Congratulandosi con sè stesso per ogni successo e rimanendo indulgente se qualcosa non va come ci si aspettava. Fino a quando non si è morti, ci sarà sempre il tempo per progredire, basta semplicemente impegnarsi a fondo. Ma per mettere tutte le pedine al posto giusto l’unico consiglio che posso dare è rispettare sempre il proprio corpo perchè è lui a condurci dal punto A al punto B, e soprattutto quando il punto B dista oltre 100km dal punto A, ecco che scegliere la buona benzina diventa imperativo, e con la gamma Overstim si possono trovare tutti i prodotti per realizzare il proprio obiettivo stando bene.

Contattateci da lunedÌ a venerdÌ <br /> dalle 9 alle 12 / 13.30 alle 17.30+33 (0) 297 622 171
Contattateci da lunedÌ a venerdÌ
dalle 9 alle 12 / 13.30 alle 17.30
Paiement 100% sécuriséPagamento sicuro
Questo sito utilizza la soluzione di pagamento PAYBOX (SSL) sicuro al 100%
Spedizione rapidaSpedizione rapida
Spedizione rapida e sicura en 3/4 giorni
OVERSTIM.s utilizza i cookies per memorizzare i prodotti che metti nel cestino. Se prosegui la navigazione su questo sito, accetti il loro uso.